FacebookTwitterGoogle+LinkedInCondividi

periscopeÈ l’app del momento. Tutti ne parlano. Molti la usano, personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo, testate giornalistiche, radio e anche partiti. Sta diventando una vera e propria mania. Si tratta di Periscope: l’applicazione di Twitter che consente di trasmettere e ricevere video in diretta streaming.

Come tutte le innovazioni di successo l’idea è molto semplice e si basa sulla constatazione che si ha sempre meno tempo per tutto, per cui bisogna puntare sulla facilità, sulla velocità e sull’immediatezza. Periscope è, infatti, veloce, facile e immediato, sia per chi trasmette che per chi riceve. Non richiede nessun tipo di sforzo. Consente di informare i propri follower in tempo reale senza investire tempo, risorse o energie.
Al contrario dei social network la comunicazione di Periscope è asimmetrica, limitando al minimo l’interazione, e di tipo “uno a molti”.

Per le sue caratteristiche sembra destinato a diffondersi tra vip, giornalisti, politici, nonchè redazioni e partiti.

In Italia è stato subito adottato da artisti di grande successo come Fiorello e Jovanotti. Mentre hanno cominciato a sperimentarlo quotidiani come “la Stampa” e “la Repubblica”, radio come “Radio24″ e “Radio2″ e anche partiti come il Partito democratico che ha mandato in diretta streaming l’intervento di Matteo Renzi all’ultima direzione del Pd.

Come funziona? Basta avere un iPhone, per il momento niente Android, scaricare l’app, iscriversi collegando il proprio profilo Twitter e abilitare fotocamera e microfono per chi vuole trasmettere. A questo punto il gioco è fatto. Si pigia su “Start Broadcast” e comincia la diretta video che viene notificata ai propri follower e rimane disponibile per 24 ore. Se volete conoscere tutte le dirette streaming in corso su Periscope basta andare su onperiscope.com.

Rilasciata appena due settimane fa ha registrato una crescita esponenziale di user. Solo nel weekend d’esordio i link alle dirette su Periscope condivisi su Twitter hanno sfiorato quota 100mila. Potendo contare sulla spinta della piattaforma di microblogging più popolare ha superato il suo diretto concorrente Meerkat, più anziano di qualche settimana.

Nel mondo della comunicazione digitale Periscope rappresenta una frontiera molto interessante da esplorare con grande curiosità ed attenzione.